Pranzo di chiusura attività 2018

… e Dame e Cavalieri di HafliPinz Ti si radunarono all’ombra del (Grotto del) Faggio secolare di Madonna d’Arla per una solenne agape…

Certo, l’ambientazione poteva richiamare una sceneggiatura medievale… se si eccettuano i mezzi per effettuare la trasferta.

Dunque, in concreto: tra Dame e Cavalieri eravamo in ventiquattro seduti ad una tavolata ad “U” che davvero richiamava quella dei Cavalieri della “Tavola Rotonda”. D’altronde, anche il menu con maialino al forno e patate (pure al forno), verdurine al profumo di funghi con, addirittura, presentazione “live”(vedi foto con vassoio sostenuto da Fausto) ci ha portati in un ambiente da nobili cavalieri.

A seguire, uno squisito gelato al gusto d’uva affogato nella grappa nostrana.

Leggi tutto “Pranzo di chiusura attività 2018”

Uscita sotto le stelle: Alpe della Bolla (*) sopra Cadro

Dopo la pubblica lavata di testa da parte del nostro capo per aver paragonato l’ultima uscita d’apertura ad un cibo quotidiano brodoso (che oggi in onore dei nostri jeeppisti TI/USA chiamerei “bread & brö”) mai più oserò ledere l’onore degli organizzatori alludendo a ripetizioni, a dei déjà-vu.
Al breefing, sentito applauso di sostegno al nostro presidente Mirto reduce da una revisione all’impianto idrico presso l’EOC, coronata da successo.
Partenza in ben assortito convoy (tre Pinz, due Hafli, tre Jeep, un Puch) verso il monte Pianezzo, con le ruote, complice la “sücina”, appena inumidite dai due guadi. Al monte ci attendevano per il Pinzaperitivo i sempre disponibili Catella Brothers in compagnia di un’arietta che scendeva dai Denti della Vecchia. Il ritorno ai veicoli è caratterizzato da uno slalom tra deiezioni bovine ben mimetizzate nell’oscurità: come da locandina si consigliava di non dimenticare la lampadina tascabile ed io, ligio ai comandi, avevo in tasca la lampadina e non la pila. Via in direzione Bolla con la sempre piacevole deviazione sulla sterratona in zona Strada di Ort e, al traguardo, operazione di parcheggio in retromarcia al buio con il duplice scopo di giudicare la perizia dei conducenti e di bloccare i soliti asociali che, dopo l’ammazzacaffè, si danno a rapida fuga senza unirsi ai cori di autoctono sapore.
Leggi tutto “Uscita sotto le stelle: Alpe della Bolla (*) sopra Cadro”

Festa federale di ringraziamento: HafliPinz Ti c’era!

“… La nebbia agli irti colli piovigginando sale…” e HafliPinz Ti sale anch’esso, ma per scacciarla, con l’entusiasmo dei suoi tenaci soci. Dieci veicoli, e tra questi anche l’Haflinger dell’amico vallesano Eddy, si danno appuntamento nei pressi dell’uscita autostradale di Chiggiogna per un caloroso saluto di ritrovo. Tempo coperto, ma gli “impermeabili” non demordono. Ci si incolonna e, passando da Piotta, ci si arrampica verso il Ritom: prima incontriamo il villaggio di Altanca e poi la diga. Quindi costeggiamo il Lago Ritom per poi salire, oltre la barriera che ci è stata aperta e fiancheggiando il Lago Cadagno, fino allo stallone e al caseificio dell’Alpe Piora. Lì, in pochi minuti, il nostro staff monta un gazebo per ospitare l’aperitivo di HafliPinz Ti, ma prima di tutto Vittorio fa delle comunicazioni ai presenti e, tra queste, c’è anche quella triste del congedo definitivo dall’amico Alex Pizzotti.
Leggi tutto “Festa federale di ringraziamento: HafliPinz Ti c’era!”

Con HafliPinz Ti ne’ “Il fondo del sacco” di Plinio Martini

Splendida uscita coi nostri veicoli storici, nonché altro appuntamento con la Storia il 18.08.18. Dodici i mezzi “ruspanti” e 25 i partecipanti. Ritrovo sul Passo del Monte Ceneri, formazione dell’autocolonna e partenza alle 08h00. Fa già caldo quando attraversiamo Solduno in direzione di Ponte Brolla, dove si uniscono alla comitiva gli amici Giulio con Luigi e Aldo.
Da lì, avanti su questo ampio fondovalle, quello glaciale della Maggia, fin su, dopo Cevio, a Bignasco (capolinea della ex Valmaggina). Qui, alcuni “massicci” palazzi del secolo scorso, costruiti a bordo strada, testimoniano le vicende di alcuni emigranti che, rientrati in Patria, ostentavano così la fortuna da loro accumulata “via pal mund”. Ma torniamo ad HafliPinz Ti ed al suo convoy che inizia ormai a salire, dapprima sino a Peccia, poi a sinistra in Val Lavizzara per San Carlo e Ghéiba. Aperta la barriera, ci si “arrampica” sui tornanti a fianco dell’unica cava di marmo bianco del Ticino, fino alla galleria Piode del Masnée. Entriamo nella lunga galleria. Carlo, che non aveva fatto la ricognizione preventiva, era preoccupato al riguardo dell’attraversamento della stessa, ma i dubbi sono presto fugati poiché, pur essendo allo stato grezzo, la sua ampiezza ed un cunicolo di sbocco intermedio permettono persino l’incrocio di veicoli. Usciamo e quindi Leggi tutto “Con HafliPinz Ti ne’ “Il fondo del sacco” di Plinio Martini”

1. agosto 2018: triplice appuntamento con la Storia

08h00: è già caldo quando i soci si ritrovano coi loro mezzi nel parcheggio antistante il Bar Billy di Canobbio. Caffé e brioches offerti dal pres Mirto, breve comunicazione da parte di Vittorio e… the show goes on… 12 veicoli in defilée, via Tesserete per Gola di Lago, indi si aprono le barriere per il pascolo sottostante il Fortino di fanteria Cima 1.
Ma cos’è il Forte? A spiegarcelo, all’entrata dello stesso, c’è un anfitrione d’eccezione, il Col Marco Dolina, presidente dell’at Br Fr 9 che, con la gentil consorte, calorosamente ci accoglie e ci guida all’interno del Fortino, illustrandocene le caratteristiche e facendoci scoprire quello che dall’esterno difficilmente avremmo immaginato. Non vogliamo dilungarci sulle caratteristiche in quanto la locandina con il programma della giornata già ne parla, tuttavia ecco due cifre per evidenziarne l’importanza: poteva ospitare una ventina di soldati con gli ufficiali, i quali disponevano, tra l’altro, di una propria riserva d’acqua di 30’000 litri.
Leggi tutto “1. agosto 2018: triplice appuntamento con la Storia”

A Piandios, un dubbio… e parecchie certezze!

Domenica 15 luglio, uscita in Val di Blenio, fin su ai 1’867 mslm della Capanna Piandios, versante destro del fiume Brenno.

Tempo splendido. 16 veicoli presenti, 38 i partecipanti… e il dubbio? Si riferisce alla pronuncia del nome del toponimo e dunque: Piano delle ossa o Piano dell’Eterno? E allora? (prima certezza) La questione non era, per noi, fondamentale perché dapprima il panorama ed in seguito il menu servitoci dall’appassionatissimo Capannaro, dal figlio e dalla gentile Viviana, ci hanno entusiasmati.

Eccoci dunque alla cronaca della giornata. 08h45, ritrovo al parcheggio prima del villaggio di Semione. Cielo terso, d’un azzurro intenso. Arrivano i partecipanti e, dopo le ultime info, via verso l’alta Valle. Ad Acquarossa, l’amico Raimondo col suo Haflinger si unisce al convoy e poi avanti, su per la strada del Lucomagno.

Leggi tutto “A Piandios, un dubbio… e parecchie certezze!”

Sui monti tra la Valle del Cassarate e la Val Colla

Una giornata bellissima, leggermente ventilata in quota, ha accolto i partecipanti, lieti e festosi, all’uscita che si è svolta, dopo un giretto tra i villaggi della Val Colla, viaggiando su una pista forestale sterrata e sulle stradine consortili che intersecano le pendici del Caval Drossa e del Monte Bar.
Una pausa in località Pian Sotto, nella valle del Fiume Bello e in prossimità dell’innesto per l’Alpe Musgatina, ha permesso a qualcuno di sciogliere le gambe e di fare quattro chiacchiere in amicizia, ad altri di fotografare le vedute panoramiche sul Luganese e oltre e, alle giovanissime leve di HafliPinz Ti di destreggiarsi in avventurose arrampicate e balzi sui massi erratici (ce ne sono una settantina sparsi su una superficie di circa 30’000 m2) lasciati in quel pascolo dal ghiacciaio che ricopriva la Val Colla 15’000 anni fa.
Leggi tutto “Sui monti tra la Valle del Cassarate e la Val Colla”

Echi dalla Piazza d’Armi

Isone, Piazza d’Armi, sabato 9 giugno 2018: mega manifestazione per la celebrazione degli anniversari inerenti le Forze Speciali. L’invito a far parte dell’Evento è partito dal Comando della Piazza d’Armi e HafliPinz Ti ha risposto: PRESENTE!
Il bel tempo ci ha assistiti ed ha premiato l’impegno che il Comitato ha profuso nel coinvolgimento dei propri associati con i loro mezzi. Ben 24 i veicoli presenti: dalle mitiche Jeep MB e GPW alle spettacolari M38A1. Poi il leggendario Unimog (Uniwersal Motor Gerät) D411, il “Tenten” e poi le gloriose Jeep CJ3B (Hurricane d’Antan). Certamente non poteva mancare il “fiore all’occhiello” della Steyr-Puch: in testa il carissimo Kiki al volante del suo Haflinger 700 AP, seguito dai “fratelli maggiori” Pinzgauer 710M, 710k e 712 M, tra cui anche quello dell’amico Antonio che, con la sua radio di bordo, insieme a Michele e la sua Mutt 151A, è riuscito a contattare persino stazioni radio del Brasile. Certamente, nel nostro parco veicoli non potevano mancare gli autocarri per completare la panoramica: lo Steyr A 680 g, i Saurer 4×4 e M8 del 1942, nonché il “massiccio” 6DM. Da non dimenticare la presenza del ben noto veicolo officina GMC e di uno spettacolare M139 americano (un Mack) dall’enorme ingombro (largo 2.90 m).
Leggi tutto “Echi dalla Piazza d’Armi”

Inaugurate le uscite 2018 con la Classica

Nell’uso comune della lingua la ripetizione nel tempo da parte di tutti di un aggettivo lo trasforma in un nome noto ai più, che definisce esattamente un evento, senza bisogno di ulteriori commenti: l’Oscar, il Nobel, la Festa dei fiori, la Classica e chi più ne ha più ne metta. Fatta questa premessa d’obbligo, potrei scrivere “vedi mio commento del 04/17” e così strazierei il cuore di Vittorio che insistentemente mi ricorda l’obbligo di calepino e matita sull’uomo: lungi da me il pensiero di contraddire il nostro Guru delle ridotte.
“Repetita iuvant” diciamo noi che sappiamo di latino e di buona voglia ci accodiamo al convoy che, complice la primavera che rende birichino l’organizzatore, può avviarsi in ordine sparso seguendo l’uzzolo di ognuno, ma solo dopo aver salutato i due ospiti che per noi hanno varcato le patrie frontiere ed il presidente con la sua entrata trionfale, non alla guida, ma scarrozzato da un impettito chauffeur nel quale molti, erroneamente, hanno voluto riconoscere il Moreno.
Al controllo di Ponte di Valle si contano dodici veicoli.
Leggi tutto “Inaugurate le uscite 2018 con la Classica”

Pionieri all’opera: un varco per il convoy!

Ieri pomeriggio il “nucleo pionieri 18” del nostro Club ha aperto alcuni varchi nella vegetazione che ricopre i dentelli (i dence) lasciati sul Pian Piret dall’ultima glaciazione.

Quest’attività permetterà il passaggio dei nostri veicoli in occasione della Classica: escursione primaverile in programma il prossimo 28 aprile.

Nel mostrarvi alcune fotografie scattate in loco da Carlo, vi ricordiamo che c’è tempo fino al lunedì prossimo per iscriversi.

Leggi tutto “Pionieri all’opera: un varco per il convoy!”