Notturno per HafliPinz Ti, ma stavolta Chopin non c’entra!

Tintinnar di campanelli sulla “ramina” e la Finanza che grida: “Alt!” e “Molla!”.
Ormai è storia di confine passata. Sul Passo del San Lucio è rimasto solo qualche cippo di confine, da evitare con cura perché potrebbe lasciare il segno sulle ruote dei nostri mezzi.
10 veicoli e 22 partecipanti si sono ritrovati all’abituale posteggio nei pressi della Resega, nonostante la meteo sembrasse (ancora una volta) accanirsi contro HafliPinz Ti. Un caloroso saluto ed i convenevoli per poi formare il convoy che si è mosso in direzione dell’Alta Valcolla. Un cielo imbronciato ci accompagnava. Raggiunto l’imbocco della ex pista di fondo, il contesto si è fatto “pastoso” per diversi aspetti: dapprima la strada, da lì sterrata e coperta di foglie, per cui si consigliava l’inserimento delle quattro trazioni e l’attenzione al fondo scivoloso; poi il bosco, con gli alberi i cui rami si protendevano quasi a lambire la carreggiata. I fari dei veicoli ad illuminare la scena squarciando il buio, il tutto a creare una leggera atmosfera di “suspence”. A romperla, le barriere abbassate, per cui i nostri responsabili dovevano correre avanti e indietro lungo la colonna per aprirle e chiuderle dopo il passaggio.
Leggi tutto “Notturno per HafliPinz Ti, ma stavolta Chopin non c’entra!”

Haflipinzterapia? Volentieri, grazie!

Così devono aver risposto gli undici equipaggi (2 Pinz, 3 Haflinger, 3 Jeep, 2 Puch, 1 Alfa “Matta”) che hanno partecipato all’uscita del 23 luglio in Media Leventina; su, su fino a quota 2200 mslm, poco sotto il Pizzo Erra.
Pur non essendo ancora riconosciuta dalle Casse malati, la Haflipinzterapia porta benefici allo spirito coi suoi momenti di svago su carrarecce e sterrate normalmente precluse ai singoli mezzi motorizzati che guidiamo. Questa volta si è aggiunta un’ulteriore componente alla terapia: quella dell’allontanamento dalla coltre di ozono che in quei giorni opprimeva particolarmente le basse quote del Ticino. Salendo, le temperature si abbassano e le brezze danno refrigerio.
Ma torniamo allo svolgimento della nostra uscita, prima di tutto per felicitarci con Sara e con Federica che hanno guidato per diverse tratte di questa escursione e sono dunque le due seconde donne autiste del Club (la prima dovrebbe essere stata Silvia che ha guidato il suo Land Rover sulle pendici sterrate del Monte Bar in occasione dell’inaugurazione del Barlume, la nuova Capanna, il 21.05.2017).
Leggi tutto “Haflipinzterapia? Volentieri, grazie!”

La notturna sul San Lucio – Ven, 21.10.2022

Il nostro classico raid sotto le stelle si svolgerà quest’anno sulla sterrata che porta al Passo del San Lucio, a cavallo tra la Val Colla e la Val Cavargna. Preparatevi ad inserire le 4×4 e ad ammirare, meteo ovviamente permettendo, il bel paesaggio prealpino circostante illuminato dalla Luna calante.

Termine iscrizioni: domenica, 16 ottobre 2022
Contatto: Vittorio (079 621 56 03 – mor41@bluemail.ch)

Due laghi e un po’ di Piora – Sab, 17.09.2022

La nostra prossima uscita avrà quale meta la Val Piora, con i laghi Ritom e Cadagno. Ci aspetta una delle più belle vallate del nostro Cantone, con i suoi laghetti, le torbiere, i torrenti, i pascoli, le creste e gli estesi tratti rocciosi. Un appuntamento immancabile per godere in compagnia di questo meraviglioso paesaggio alpino.

Termine iscrizioni: lunedì, 12 settembre 2022
Contatto: Vittorio (079 621 56 03 – mor41@bluemail.ch)

In Val Cavargna fino al Rifugio Croce di Campo – Sab, 13.08.2022

Durante la prossima uscita di Haflipinz Ti i nostri mezzi militari storici percorreranno, per la terza volta, la carrareccia agro-silvo-pastorale che porta sulle alte falde del Pizzo di Gino; quale meta avremo – come già nel 2014 – il Rifugio Croce di Campo. Vi aspettiamo numerosi!

Termine iscrizioni: lunedì, 8 agosto 2022
Contatto: Vittorio (079 621 56 03 – mor41@bluemail.ch)

Prima assoluta! – Sab, 23.07.2022

L’uscita in Media Valle Leventina è per HafliPinz Ti una prima assoluta. Grazie alla preziosa collaborazione dell’amico Pedro, che fungerà pure da capo colonna, abbiamo potuto organizzare un tour di una ventina di chilometri con vedute panoramiche bellissime. Infatti, dal caratteristico villaggio alpino di Anzonico raggiungeremo con i nostri mezzi, dopo aver superato maggenghi e alpeggi vari, la Baracca (Q2200) posta ai piedi del Pizzo Erra. Per tutti i dettagli vi invitiamo a leggere la locandina.

In alto i cuori a percorrere… alcuni “chilometri di storia”

Il giorno scelto per questa nostra uscita era perfettamente adatto a quello che ci aspettava e che poi abbiamo vissuto: un’Ascensione da Q273 di Lugano a Q1576 del Rifugio Venini, per giungere poi agli alti manufatti della Linea Cadorna (dispositivo del genio militare italiano degli anni 1911-1916) sulle pendici del Monte Tremezzo. Lungo il percorso c’è stato anche un intermezzo di “picchiata” verso fondovalle e repentina risalita su strade “contorte”, dalle pendenze a tratti superiori al 15% indicato dai cartelli stradali. Verosimilmente strade derivate da originari sentieri per raggiungere le località di Ponna Inferiore. Poi quella Di Mezzo e infine quella Superiore da cui si diparte, finalmente, la gradevole “Via dei Monti”.
Leggi tutto “In alto i cuori a percorrere… alcuni “chilometri di storia””

Per l’Ascensione… che salita! – Gio, 26.05.2022

Dopo aver dovuto a malincuore annullare l’evento che avrebbe dovuto tenersi in Piazza Grande a Locarno lo scorso mese di aprile, siamo pronti a ritrovarci per la prima uscita del 2022. Un’escursione per tutti i gusti, quella che ci porterà in Val d’Intelvi: ci offrirà infatti strade facili, piste sterrate, panorami mozzafiato, spunti storici e l’impennata che conduce all’Alpe di Blessagno.

Termine iscrizioni: venerdì, 20 maggio 2022
Contatto: Vittorio (079 621 56 03 – mor41@bluemail.ch

La notturna 2021

Passo del Monte Ceneri, venerdì 29 ottobre 2021, ore 19.45. L’autocolonna in grigioverde è allineata e pronta per la Missione: “infiltrarsi” su carrarecce, tra nuclei di case, tra prati e selve su, su, da Robasacco a Meggiagra, ai Monti di Calmagnun, fin sotto il monte Mattro.
Prima, però, c’è stato l’HafliPinzAperitivo per salutarci ed “entrare in atmosfera”.
Dopo il benvenuto del Coordinatore e del Presidente, la colonna formata da 9 mezzi (3 Pinz, 2 Haflinger, 2 Jeep, 2 Puch) con i loro equipaggi si mette in moto verso Robasacco e l’itinerario della Missione… condividendo il cammino anche… con una cerva, sorpresa dietro ad una curva. Giunti al P.to 1038, sui Monti di Medeglia, si svolta a sinistra in direzione di Cima di Fuori dove, lungo un tratto con ampia panoramica sul Piano di Magadino e sulla Capitale, ci si ferma per godersi l’ampio colpo d’occhio. Nel frattempo, teso l’orecchio, mi par di sentire la voce di un folletto cantastorie intonare… sembrerebbe una canzone popolare italiana degli anni ’30, pubblicata su disco di bachelite a 78 giri/min. (grammofono caricato a manovella), con la voce di Claudio Villa. Essa era poi stata portata agli onori della classifica top 20 della hit parade, paradossalmente dall’italo-americana Connie Francis nel 1961.
Leggi tutto “La notturna 2021”

HafliPinz Ti ricorda Mirto, suo Presidente onorario, andando alle sorgenti…

Dapprima il contesto:
Buongiorno monti e sorgenti dell’acque che qui sgorgan copiose per giungere ai rubinetti delle nostre case
(non me ne voglia il Manzoni se ho liberamente parafrasato alcuni suoi versi, ma penso che sarebbe sicuramente stato felice se le limpide acque del Cusello fossero giunte qualche anno prima a Lugano, ovvero durante il suo soggiorno in questa città)
La decisione del Consiglio Comunale cittadino di approvare, nel 1893, il progetto di captazione delle acque dalle falde del Tamaro per distribuirle alle economie domestiche, ai commerci, oltre che alle infrastrutture turistiche (allora in pieno sviluppo) fu un atto di lungimirante coraggio. Ed ora il collegamento col nostro Club: parecchio tempo dopo, e con le dovute proporzioni, è stato un atto coraggioso da parte di Mirto, unitamente ai membri del primo Comitato direttivo, costituire HafliPinz Ti.
Leggi tutto “HafliPinz Ti ricorda Mirto, suo Presidente onorario, andando alle sorgenti…”