Cosa vi siete persi!

Un partecipante ci ha cortesemente inviato il breve resoconto seguente:

“Imbarazz, tremend imbarazz” per l’umile estensore di queste noterelle nel dover dire “Cosa vi siete persi!” agli associati / vacanzieri che hanno mancato l’appuntamento con l’uscita all’Alpe di Piazza Vachera.
Un’escursione bella ed interessante, caratterizzata da una lunga cavalcata alla guida dei nostri automezzi su mulattiere sterrate hard con buche, buche con acqua, cunette e scalini a go-go, percorrendo una vallata – la Val Cavargna – dagli scorci paesaggistici rilevanti; da un pranzo tipico dell’alpe (una fragrante polenta “oncia” accompagnata da prodotti caseari sopraffini e da squisite torte fatte in casa) preceduto dal solito stuzzicante aperitivo; dai bei momenti di aggregazione condivisi, con simpatia, con tutti gli amici incontrati sull’alpe.
Da rilevare il parcheggio temporaneo, ai box di Porlezza, della Jeep del Lüisin per un problemino ai freni e il pit stop obbligato del Mirto per il cambio di una gomma posteriore del suo Puch.
Infine, un grazie di cuore a Riccardo, alla sua gentil signora, a Erio e a tutto lo staff dell’alpe di Piazza Vachera per la cordiale ed apprezzata collaborazione. Bravissimi!

La mail inviataci dal Lüisin:

… domenica sera sono arrivato chez moi verso le 21 poiché, non avendo fatto un sacrificio agli dei…, la sfiga (come diciamo noi giovani) ha continuato a perseguitarmi! Quando ci vedremo vi racconterò le mie avventure da quando ci siamo separati. Malgrado tutto, è stata una bella giornata passata in armonia con voi tutti, senza parlare dell’ottimo aperitivo e del pranzo rustico, dei personaggi (montagnards) che ho conosciuto, nonché dei bei fiorellini (“pecaat diventaa vecc”)…

E quella di Franz:

… è stato un bellissimo giro. Grazie per la perfetta organizzazione…

La colonna era formata da 6 veicoli con 16 lieti partecipanti.

Un commento su “Cosa vi siete persi!”

  1. È da quando ho scelto l’immagine di apertura per questo post che sono curiosa di saperne di più sul formaggio a destra: qualcuno si ricorda di averlo assaggiato e ce lo può descrivere?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.